Homepage Articoli Tutto sull’avversario del Livorno, il Perugia

Tutto sull’avversario del Livorno, il Perugia

autore: Carlo Pannocchia

Associazione Calcistica Perugia Calcio s.r.l. (2010)
La storia della società umbra parte dal lontano giugno 1905 quando nasce ufficialmente l’Associazione Calcio Perugia. Dopo la storica fondazione, la storia della società proseguirà nelle serie minori con fugaci apparizioni in serie B. Il 21 maggio 1967, conquista l’ambito traguardo della serie B dove rimarrà per otto anni consecutivi fino alla stagione 1974/75 quando raggiungerà la storica promozione in serie A. Intanto, con l’avvento nella massima serie, il Perugia abbandona lo stadio Santa Giuliana e si trasferisce nel nuovo stadio, il Comunale di Pian di Massiano, che ancora oggi ospita le partite dei Grifoni. Nel 1977 la società decide di intitolarlo alla memoria di Renato Curi, tragicamente scomparso all’età di 24 anni per un attacco cardiaco, nel corso di una gara di campionato contro la Juventus. Nella stagione 1978/79 sfiora uno storico scudetto. La squadra umbra si piazzerà al secondo posto senza perdere una partita. Il piazzamento ottenuto garantirà al Perugia anche la sua prima apparizione in campo internazionale, con la partecipazione alla Coppa Uefa. Una stagione caratterizzata dalla presenza dell’astro nascente Paolo Rossi, futuro Pablito ai Mondiali di Spagna 1982 nonchè pallone d’oro. Dopo questo periodo esaltante la squadra retrocede in serie B e riprende a girovagare tra le serie minori. Per ritrovare il Perugia in serie A, si deve aspettare la stagione 1996/97, sotto la presidenza di Luciano Gaucci. Nel 2003 vincendo la Coppa Intertoto centra la seconda qualificazione ad una competizione europea, sotto la guida tecnica del perugino Serse Cosmi ex allenatore del Livorno. Quindi nel 2010 dopo anni difficili, arriverà anche il fallimento della società. Il Perugia ripartendo dalla serie D in soli quattro anni, conquista la serie B nella stagione 2013/14.
Presidente: Massimiliano Santopadre
Vice-presidente: Stefano Cruciani
Direttore generale: Mauro Lucarini
Responsabile area tecnica: Roberto Goretti
Direttore sportivo: Marcello Pizzimenti
Segretaria generale: Chiara Zuppardo
Team manager: Francesco Gaudenzi
Segretario sportivo: Samuele Donati
Ufficio stampa: Pietro Pallotti
Social media manager: Giacomo Cangi
Responsabile marketing: Marco Santoboni
Responsabile commerciale: Stefano Politelli
Area marketing e commerciale: Giorgia Mastrin, Valentino Fronduti
Responsabile scouting: Francesco Panfili
Responsabili ufficio amministrativo: Sandro Angelo Paiano, Giancarlo Paiano, Chiara Cinelli
Responsabili ufficio legale: avv. Carlo Calvieri, avv. Gianluca Calvieri
Responsabili ufficio consulenti: Mario Mincigrucci, Valentina Bastianini
Responsabile protezione dati personali: Alessia Nataloni
SLO: Massimiliano Rossi
Responsabile biglietteria: Tiziana Barbetti
Delegato alla sicurezza: Michele Diosono
Direttore manutenzione impianti: Gianluca Bellucci
Allenatore: Serse Cosmi è nato a Ponte San Giovanni (Perugia) il 5 maggio 1958. A quattordici anni è rimasto orfano del padre Antonio, grande appasionato di ciclismo che lo chiamò Serse in onore di Serse Coppi, fratello di Fausto. E’ sposato con Rosy ed ha due figli. Diplomato all’ISEF di Perugia, è stato maestro di attività motorie in scuole elementari, istruttore di nuoto e personal trainer in palestra. Inizia come calciatore nelle giovanili della Ternana. Poi fra Prima Categoria e Promozione, milita nel Deruta, nello Spello, nell’Ellera, nel Foligno, nel Cannara e nel Pontevecchio. A soli 28 anni si ritira dall’attività agonistica. Inizia la carriera di allenatore nel 1987 nel settore giovanile dell’Ellera (Perugia). Dopo tre anni viene chiamato sulla panchina del Pontevecchio, la squadra del suo paese, nell’estate del ’90. In cinque anni porta la squadra nel Campionato Nazionale Dilettanti (l’attuale serie D). Nella stagione 1995/96 viene ingaggiato dall’Arezzo (CND). La squadra toscana ottiene due promozioni: 1995/96 promosso in serie C2 e 1997/98 promosso in serie C1. Nel 2000 viene ingaggiato dal Perugia di Luciano Gaucci, dove esordisce in serie A. In quattro campionati sulla panchina dei Grifoni la squadra conquista la Coppa Intertoto e si qualifica per la Coppa Uefa. Il periodo in biancorosso termina con la retrocessione in serie B nel 2004, dopo lo spareggio salvezza contro la Fiorentina. Nel campionato 2004/05 viene ingaggiato dal Genoa. Con i rossoblu ottiene la promozione diretta in serie A ma la promozione verrà trasformata in retrocessione in serie C1, in seguito all’illecito sportivo, dove viene coninvolta la società di Enrico Preziosi. Durante la sua permanenza in Liguria vince il premio “La Torretta d’Oro” come miglior allenatore emergente italiano. Nell’estate 2005 lascia il Genoa e firma per l’Udinese. Porta i bianconeri alla prima partecipazione alla Champions League 2005/06 della sua storia. Il 10 febbraio 2006 in seguito alla sconfitta interna contro la Reggina viene esonerato. Dopo un anno di assenza, viene ingaggiato dal presidente del Brescia Luigi Corioni, dopo l’esonero di Mario Somma. Il 2 giugno 2007 viene confermato dal Brescia, firmando un contratto biennale. Nel campionato di serie B 2007/08 conquista i playoff, ma le rondinelle vengono eliminate in semifinale dall’Albinoleffe. L’anno successivo dopo appena cinque giornate di campionato viene esonerato, al suo posto arriva Nedo Sonetti. Il 21 ottobre 2009 subetra a Vittorio Russo e Gennaro Ruotolo alla guida del Livorno. La sua prima partita sulla panchina degli amaranto è Roma-Livorno, vinta 1-0 dai labronici con una rete di Tavano. Sotto la sua guida la squadra rimonta posizioni e si porta in zona salvezza. Il 24 gennaio 2010 dopo la sconfitta interna contro il Napoli (0-2) si dimette, giustificando la scelta con “insanabili divergenze con il presidente Aldo Spinelli”. Dopo due giorni, grazie ad un colloquio tra i due, la società respinge le dimissioni. Però dopo una serie di risultati negativi (5 pareggi e 8 sconfitte), viene esonerato. Il 28 febbraio 2011 viene chiamato alla guida del Palermo in sostituzione di Delio Rossi. La sua esperienza sulla panchina dei rosanero dura soltanto quattro partite: il 3 aprile 2011 dopo la pesante sconfitta nel derby contro il Catania (4-0), viene sollevato dall’incarico. Il 4 dicembre 2011 viene ingaggiato dal Lecce, in sostituzione dell’esonerato Eusebio Di Francesco. Termina il campionato al 18° posto retrocedendo in serie B. In seguito i pugliesi vengono retrocessi in Lega Pro Prima Divisione per illecito sportivo. Il 27 giugno 2012 diventa l’allenatore del Siena. Alla 17.a giornata in seguito alla sconfitta per 4-1 contro la Fiorentina viene esonerato. Il 24 febbraio 2014 diventa il nuovo tecnico del Pescara, in serie B. Gli adriatici si piazzano al 15° posto in classifica, ma la società non lo conferma. L’11 marzo 2015 diventa l’allenatore del Trapani (serie B), in sostituzione dell’esonerato Roberto Boscaglia. A fine campionato riesce a salvare il Trapani portandolo all’11° posto finale in classifica. A giugno si accorda con la società siciliana per un’altra stagione. Nella stagione 2015/16 riesce a portare la squadra al terzo posto in classifica, fino agli storici playoff. In semifinale supera lo Spezia ma perde la doppia finale contro il Pescara: 2-0 all’Adriatico e 1-1 in casa. In virtù dei risultati raggiunti il tecnico umbro viene confermato. A ottobre lascia la guida del club siciliano scosso dall’incendio della sua auto. Poi ci ripensa e rimane alla guida del Trapani ma il 26 novembre 2016 dopo la sconfitta contro il Pisa viene esonerato. Il 6 dicembre 2017 subentra a Fulvio Fiorin sulla panchina dell’Ascoli. Porta i marchigiani dall’ultimo posto al 18°, accedendo ai playout contro la Virtus Entella. Con due 0-0 tra andata e ritorno riesce a salvare i bianconeri dalla serie C. Il 5 marzo 2019 viene chiamato a sostituire Walter Zenga sulla panchine del Venezia. Alla fine del campionato accede ai playout contro la Salernitana. Dopo il 2-1 dell’andata a Salerno e la vittoria casalinga per 1-0 al ritorno, la squadra di Cosmi viene sconfitta ai rigori e retrocede. Infine il 4 gennaio 2020 viene nominato nuovo tecnico del Perugia, al posto dell’esonerato Massimo Oddo. Il modulo tattico più utilizato da Cosmi è il 3-5-2, che in fase di non possesso dalla palla diventa un 5-3-2. Caratterialmente è un motivatore, dotato di istinto, impulso e grande temperamento. Nel 2000 durante il corso per allenatori di Coverciano, Cosmi ha superato con il massimo dei voti con la tesi intitolata il Trequartista.
Allenatore in seconda: Fabio Bazzani
Preparatore portieri: Gianfranco Gagliardi
Preparatore atletico: Manuel De Maria
Collaboratore atletico: Luca D’Angeli
Match analyst: Salvatore Pollino
Responsabile sanitario: prof. Giuliano Cerulli
Medico addetto prima squadra: dott. Michele Bisogni
Medico ortopedico: dott. Giuseppe De Angelis
Medico sportivo: dott. Lamberto Boranga
Mrdico endocrinologo: dott. Marco Martinelli
Medico di base: dott. Riccardo Bogini
Nutrizionista: dott. Andrea Del Seppia
Fisioterapista: Federico Sportellini
Massaggiatori: Renzo Luchini, Stefano Gigli, Mirco Lanari
Podologo: Daniele Roma
Direttore responsabile Settore Giovanile e vivaio: Giovanni Guerri
Responsabile tecnico agonistica: Piero Lombardi
Segreteria: Eleonora Massetti
Responsabile scouting: Sergio Filipponi
Responsabile tecnico pre-agonistica e vivaio: Jacopo Giugliarelli
Allenatore Primavera: Giovanni Pagliari
Campo di gioco: lo stadio è stato costruito, inizialmente con il nome di “stadio comunale di Pian di Massiano”, nel 1975. Oggi è intitolato a Renato Curi, centrocampista del Perugia morto in campo, il 30 ottobre 1977, per un arresto cardiaco, nel corso della partita fra Perugia e Juventus. Tra il 1998 ed il 2006 sono stati effettuati lavori di risistemazioni. La capienza è di 23.625 posti a sedere
Colori sociali: 1^ divisa maglia rossa, calzoncini bianchi, calzettoni rossi; 2^ divisa maglia bianca, calzoncini rossi, calzettoni bianchi
Sponsor: Officine Piccini, Vitakraft, Mericat
Sponsor tecnico: Frankie Garage Sport
Palmares: 1 Coppa Piano Karl rappan (1978), 1 Coppa Intertoto (2003), 1 Coppa Italia di serie D (2010/11), 1 Supercoppa di Lega di Seconda Divisione (2011/12), 1 Supercoppa di Lega Pro (2013/14)
Palmares in competizioni giovanili: 2 Campionati Primavera (1995/96, 1996/97), 1 Campionato nazionale “Dante Berretti” (2006/07)
Precedenti a Livorno in campionato: partite disputate 14 (9 in in B, 5 in C), vittorie Livorno 5 (ultima stagione 1967-68, 2-1), pareggi 5 (ultimo stagione 2015-16, 1-1), vittorie Perugia 4 (stagione 2019-20, 0-1)
Precedenti a Perugia in campionato: partite disputate 13 (8 in serie B, 5 in C), vittorie Perugia 5 (ultima stagione 2018-19, 3-1), pareggi 5 (ultimo stagione 2014-15, 1-1), vittorie Livorno 3 (ultima stagione 1969-70, 0-1)
Gli ex amaranto: il difensore Aleandro Rosi ha giocato nelle giovanili della Roma. Il 7 luglio 2008 la società giallorossa si accorda con il Livorno, in serie B, per il prestito. Disputa la stagione da titolare e colleziona tra campionato e playoff ben 39 presenze, ottenendo la promozione in serie A con il Livorno. Marco Moscati cresce nel settore giovanile del Livorno. Esordisce con la prima squadra, in serie B, il 29 maggio 2011: Livorno-Frosinone 2-1. Nella stagione 2014/15 ritorna al Livorno. Chiude il campionato con 36 presenze e cinque assist (più una presenza in Coppa Italia). L’anno dopo rimane al Livorno gioca 32 partite di campionato, realizzando 2 gol (più quattro assist). Tuttavia non riesce ad avitare la retrocessione degli amaranto in Lega Pro. Dopo la cessione in prestito all’Entella, ritorna nuovamente al Livorno. Il 30 luglio 2017 gioca la partita di Coppa Italia contro la Feralpisalò ma viene ceduto in prestito al Novara. Terminata l’esperienza in Piemonte, ritorna nuovamente al Livorno ma è proprio il Perugia ad acquistarlo definitivamente.
Classifica: 9° posto con 27 punti a pari merito con Ascoli e Juve Stabia
Capocannoniere: Pietro Iemmello, classe 1992, ruolo attaccante con 15 reti
Perugia in casa: 5 vittorie (2-1 Chievo, 3-1 Frosinone, 1-0 Pisa, Pescara 3-1, 2-0 Virtus Entella), 3 pareggi (0-0 Juve Stabia, 1-1 Ascoli, 2-2 Cosenza), 2 sconfitte (0-2 Cittadella, 0-1 Venezia). Reti fatte Perugia 14, subite 9
Diffidati: Di Chiara, Iemmello
Indisponibili: Di Chiara, Fernandes, Melchiorri, Rodin
Squalificati: Falasco, Iemmello
Probabile formazione (3-5-2): Vicario, Rosi, Gyomber, Nzita, Mazzocchi, Falzerano, Carraro, Dragomir, Konate, Bonaiuto, Falcinelli.
Prima squadra
Portieri: Albertoni 1995, Fulignati 1994, Vicario 1996.
Difensori: Angella 1989, Benzar 1992, Di Chiara 1993, Falasco 1993, Gyomber 1992, Mazzocchi 1995, Nzita 2000, Rodin 1996, Rosi 1987, Sgarbi 1997.
Centrocampisti: Balic 1997, Barone 1998, Carraro 1998, Dragomir 1999, Falzerano 1991, Fernandes 1998, Konate 1999, Kouan 1999, Nicolussi Caviglia 2000.
Attaccanti: Bonaiuto 1992, Capone 1999, Falcinelli 1991, Iemmello 1992, Melchiorri 1987.
Aggregati dalla squadra Primavera: Ruggiero 2001 portiere, Mame Ass 2001 difensore.
Movimenti di mercato
Arrivi: Benzar 1992 difensore dal Lecce (prestito), Barone 1998 centrocampista dal NY Cosmos-Stati Uniti (definitivo).
Partenze: nessuno.
Precedenti in campionato dalla stagione 1959-60
1959-60 serie C 06/12/1959 Liv.-Per. 1-0 (75′ L. Mazzoni) Donato di Civitavecchia / 17/04/1960 Per.-Liv. 2-1 (7′ Mazzucchi L, 27′ Montenovo P, 52′ Fortini P) Cirone di Palermo
1960-61 serie C 02/10/1960 Per.-Liv. 2-2 (7′ Daliana P, 9′ Gratton L, 34′ Risos L, 40′ Daliana P) Sanguineti di Chiavari / 12/02/1961 Liv.-Per. 2-1 (60′ Morelli L, 61′ Marinelli P, 73′ Scarnicci L) Firmi di Crema
1961-62 serie C 10/12/1961 Liv.-Per. 3-0 (2′ Teneggi, 54′ Lodi, 79′ Lodi) Di Maio di Palermo / 22/04/1962 Per.-Liv. 1-1 (12′ Nenci P, 53′ Pellis L) Gussoni di Tradate
1962-63 serie C 07/10/1962 Per.-Liv. 0-0 Vitulio di Campobasso / 07/04/1963 Liv.-Per. 1-2 (49′ Moratelli P, 55′ Corti aut. L, 81′ Roffi P) Virgili di Roma
1963-64 serie C 29/09/1963 Liv.-Per. 2-0 (5′ Virgili, 84′ Mascalaito) Fioretti di Roma / 26/01/1964 Per.-Liv. 0-1 (57′ Cartasegna) Pieroni di Roma
1967-68 serie B 24/09/1967 Liv.-Per. 2-1 (25′ Gualtieri L, 35′ Balestrieri P, 71′ Santon rig. L) Canova di Bologna / 18/02/1968 Per.-Liv. 0-1 (49′ Nastasio) Possagno di Treviso
1968-69 serie B 29/09/1968 Liv.-Per. 1-1 (10′ Mainardi P, 48′ Rigotto L) Toselli di Cormons / 16/02/1969 Per.-Liv. 3-0 (51′ Ferrario, 56′ Fava, 70′ Ferrario) Michelotti di Parma
1969-70 serie B 05/10/1969 Liv.-Per. 0-0 Lazzaroni di Roma / 22/02/1970 Per.-Liv. 0-1 (62′ Bacchetta aut.) Gialluisi di Barletta
1970-71 serie B 01/11/1970 Liv.-Per. 0-1 (10′ Urban) Lazzaroni di Milano / 21/03/1971 Per.-Liv. 0-0 Mascali di Desenzano sul Garda
1971-72 serie B 12/12/1971 Per.-Liv. 2-0 (19′ Innocenti, 42′ Urban) Turiano di Reggio Calabria / 30/04/1972 Liv.-Per. 1-1 (34′ Urban P, 42′ Raffaelli L) Motta di Monza
2014-15 serie B 29/11/2014 Liv.-Per. 0-0 Baracani di Firenze / 25/04/2015 Per.-Liv. 1-1 (11′ Jelenic L, 82′ Fabinho P) Pasqua di Tivoli
2015-16 serie B 18/12/2015 Per.-Liv. 4-1 (33′ Moscati L, 56′ Drolè P, 72′ Ardemagni P, 75′ Parigini P, 91′ Ardemagni P) Candussio di Cervignano / 07/05/2016 Liv.-Per. 1-1 (30′ Vantaggiato L, 69′ Zapata P) Di Paolo di Avezzano
2018-19 serie B 04/11/2018 Liv.-Per. 2-3 (14′ Melchiorri P, 32′ Diamanti L, 38′ Diamanti rig. L, 53′ Verre P, 75′ Vido rig. P) Abbattista di Molfetta / 30/03/2019 Per.-Liv. 3-1 (38′ Verre P, 49′ Carraro P, 62′ Verre rig. P, 65′ Gori rig. L) Maggioni di Lecco
2019-20 serie B 31/08/2019 Liv.-Per. 0-1 (66′ Iemmello) Marini di Roma
Partite disputate: 27. Vittorie Livorno 8, pareggi 10, vittorie Perugia 9. Reti fatte Livorno 27, subite 29.
A Livorno: 14. Vittorie Livorno 5, pareggi 5, vittorie Perugia 4. Reti fatte Livorno 16, subite 12.
A Perugia: 13. Vittorie Perugia 5, pareggi 5, vittorie Livorno 3. Reti fatte Perugia 18, subite 10.
Marcatori del Livorno: 2 reti Lodi, Diamanti; 1 rete L. Mazzoni, Mazzucchi, Gratton, Risos, Morelli Scarnicci, Teneggi, Pellis, Virgili, Mascalaito, Cartasegna, Gualtieri, Santon, Nastasio, Rigotto, Raffaelli, Jelenic, Moscati, Vantaggiato, Gori. Più due autoreti: Corti, Bacchetta.
Coppa Italia
1968-69 girone 9 3. giornata 22/09/1968 Per.-Liv. 1-1 (63′ Mainardi P, 70′ Zani L)
1987-88 serie C ottavi di finale andata 04/02/1988 Per.-Liv. 1-1 (13′ Perrotta L, 84′ Gori P) Lattuada di Legnano / ritorno 18/02/1988 Liv.-Per. 2-0 (2′ I. Protti, 65′ I. Protti) Mantovani di Genova (Perugia eliminato, il Livorno passa ai quarti di finale)
2012-13 terzo turno 18/08/2012 Livorno-Perugia 4-1 (45′ Clemente rig. P, 55′ Siligardi L, 57′ Siligardi L, 68′ Dionisi L, 90′ Dionisi L) Valeri di Roma (il Livorno passa al quarto turno)

 

 

 

Related Posts

Lascia un commento

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità
Fai clic sotto per acconsentire all'utilizzo di questa tecnologia e al trattamento dei tuoi dati personali per queste finalità. Puoi cambiare idea e modificare le tue opzioni sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetta Leggi tutto

Privacy & Cookies Policy