Homepage Articoli Storia e curiosità sulla Pergolettese, l’avversario degli amaranto

Storia e curiosità sulla Pergolettese, l’avversario degli amaranto

autore: Carlo Pannocchia

Domenica 28 febbraio sarà il turno della Pergolettese allo stadio “Giuseppe Voltini” di Crema: match valido per la ventisettesima giornata di campionato. Due anni fa è tornata nei professionisti mentre lo scorso campionato si è salvata vincendo i play out sulla Pianese. Pergolettese è il nome storico del club, mantenuto dalla fondazione fino al 1975. Poi è diventato Pergocrema fino al 1994, quindi Cremapergo fino al 2002 e ancora Pergocrema fino al 2012, anno del definitivo ritorno alle origini. Sul numero dei giocatori utilizzati la Pergolettese in 26 partite ha mandato in campo 26 giocatori. Tra i lombardi sono tre che hanno timbrato sempre il cartellino: Ghidotti, Varas e Morello. I gialloblu si trovano in quattordicesima posizione con 29 punti, frutto di 8 vittorie, 5 pareggi e 12 sconfitte, 33 gol fatti e 35 subiti finora, l’esterno d’attacco Mattia Morello con dieci reti è il miglior marcatore, seguito dalle punte Filippo Scardina con 4 e Elia Bortoluz con 3. Nelle 13 partite casalinghe, la Pergolettese ha totalizzato 15 punti: 5 vittorie e 8 sconfitte, segnando 14 gol e subendone 17. L’unico precedente tra Pergolettese e Livorno risale al match di andata quando le due squadre si sono affrontate nell’ottava giornata di andata. Nell’occasione gli amaranto ebbero la meglio sui gialloblu per 3-2. Sono i labronici a trovare il vantaggio Marsura. Il pareggio della Pergolettese porta invece la firma di Duca su rigore. Quindi nuovo sorpasso del Livorno con Di Gennaro. Scardina sempre su rigore trova nuovamente il pareggio e, infine, Murilo chiude il conto mettendo a segno il 3-2. Terzo confronto in partite di campionato tra Alessandro Dal Canto e la Pergolettese: i due precedenti sono stati vinti dal tecnico veneto: Pergolettese- Siena 0-1 e Livorno-Pergolettese 3-2. La Pergolettese, allenata da mister Luciano De Paola, che torna per la terza volta sulla panchina del club con cui aveva chiuso la carriera agonistica nel 1999. Ha mantenuto il 4-3-3 già utilizzato dal suo predecessore, l’ex amaranto Contini. Non potrà contare sugli indisponibili Bignami, Piccardo, Scarpelli e lo squalificato Figoli. Per il match in programma domenica alle 15, dovrebbe scendere in campo con il solito 4-3-3, con Ghidotti tra i pali. Linea difensiva affidata a Villa, Ferrara, Ceccarelli e Andreoli. A centrocampo spazio a Varas, Girelli e Panatti. Manovra offensiva affidata al trio Bariti, Morello e Longo.

Related Posts

Lascia un commento

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità
Fai clic sotto per acconsentire all'utilizzo di questa tecnologia e al trattamento dei tuoi dati personali per queste finalità. Puoi cambiare idea e modificare le tue opzioni sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetta Leggi tutto

Privacy & Cookies Policy