Homepage Articoli Stamani a colloquio sindaco e tifosi: deciso il no comment.. .

Stamani a colloquio sindaco e tifosi: deciso il no comment.. .

autore: Raimondo Bongini

Livorno- Neanche iscrivere la società al campionato e’ stato sufficiente per placare gli animi della piazza e dei protagonisti. Accuse reciproche, dialogo inesistente, senza che vi sia una soluzione condivisa, viste le perplessità sui  progetti portati avanti dall’attuale maggioranza societaria. In realtà al termine della  riunione allo stadio, di sabato scorso, col Sindaco e gli stati maggiori dei tifosi, era stato stabilito di creare una commissione ad hoc per valutare di comune accordo le alternative, in caso di mancata iscrizione dell’As Livorno. Da li’ più niente. Da qui l’ iniziativa del Presidente del coordinamento dei club amaranto Ivano Falchini, uno che dai tempi della Presidenza Salemmo ne ha viste e sentite di ogni, (sempre coinvolto anche dalle precedenti amministrazioni ndr. ) di scrivere stamani  al Sindaco, proponendo a lui e ai componenti della suddetta commissione, di riunirsi di nuovo per valutare gli attuali scenari. E la riunione concordata dall’ intero “osservatorio”si e’ svolta in tarda mattinata e vi hanno preso parte oltre a Luca Salvetti, il  Presidente del Magnozzi, Fernandez, quello del Campanile, Di Batte,  e Bruno Rotelli in rappresentanza  della curva nord. Assenti giustificati, Lenny Bottai sempre della Nord e Marco Bruciati dell’azionariato.Al termine e’ stato deciso di non rilasciare alcun commento ma di rivedersi quanto prima a ranghi compatti.

Intanto però, Falchini, in precedenza si era detto molto amareggiato per la piega che le cose stavano prendendo:” in città sento troppi umori difformi, che rischiano di dividerci e di far disperdere una passione per la maglia amaranto, che dura da 106 anni.E questo non deve succedere. Però sono settimane che mi domando perché, chi ha provato a comprare il Livorno, continui a bussare  alla porta del  socio che ha solo il 9% “

MA IL FRONTE PIEMONTESE E’ COSI’ UNITO? 

Intanto c’e’ tensione latente tra i soci segnatamente al fronte piemontese, che teoricamente dal 28 luglio potrebbe prendere in mano il 100% della società. Anche la stessa nomina di Silvio Aimo ad amministratore unico, nelle ore successive all’iscrizione e’ stata decisa dall’ assemblea dei soci solo ed esclusivamente per espletare le pratiche di iscrizioni essendo già personaggio  censito in FIGC e presso gli istituti bancari di riferimento. E non ci sarebbe tutta questa voglia di andare avanti, anche alla luce della diatriba sullo stadio.  In queste ore tra l’altro  sono circolate voci di presunti abboccamenti tra il liquidatore Gherlone e alcuni imprenditori cittadini. Ma in questo bailamme davvero c’e’ qualcuno che vuole fare il salvatore della Patria?  Se ci fosse, sarebbe davvero una manna, che toglierebbe le castagne dal fuoco. Il tempo stringe e i tempi sono grami. Siamo convinti che prevarrà in tutti il senso di responsabilità, qualunque sia la decisione finale..

 

 

Related Posts

Lascia un commento

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità
Fai clic sotto per acconsentire all'utilizzo di questa tecnologia e al trattamento dei tuoi dati personali per queste finalità. Puoi cambiare idea e modificare le tue opzioni sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetta Leggi tutto

Privacy & Cookies Policy