Homepage Articoli Quando Sindaco e società parlano la stessa lingua..

Quando Sindaco e società parlano la stessa lingua..

autore: Raimondo Bongini

Livorno-Ha parlato da cittadino, da tifoso, da Sindaco e non volendo anche da Presidente. In una serata di calcio d’agosto, nello spogliatoio di in uno stadio glorioso ma di periferia, Luca Salvetti ha assolto tutti insieme questi ruoli, per far capire, a quei ragazzi con la maglia amaranto che ci rappresenteranno, in questa stagione del rilancio, cosa significa indossarla. “ A Livorno serve vincere- ha detto con a fianco il club manager Igor Protti- ma è più importante il modo in cui si prova a vincere. Mettendoci il cuore, l’anima. In bocca al lupo a tutti”.

Un po’ ci ha sorpresi, in questa uscita fuori Comune e  fuori dal comune, perché e’ inusuale per un primo cittadino andare  a parlare a quattr’occhi ad un gruppo di giovanotti in calzoncini corti, alcuni dei quali, poco sanno del Livorno e di Livorno, a cominciare dalle vicende extracalcistiche degli ultimi due anni da incubo, che non vanno dimenticate ma nemmeno continuamente riesumate. Ma se tieni alla tua citta’ e alla maglia che più di tutte la rappresenta, non puoi essere diverso, anche se hai obblighi istituzionali ben precisi da rispettare. Perché la nostra  gente e’ diversa e  ti vuole diverso.

Il bello e’ che anche i dirigenti del nuovo corso  che non sono livornesi, anche ieri sera li abbiamo visti in mezzo alla gente,concedendosi,stringendo mani, senza protagonismi. “C’e’ bisogno di tutti in questo momento” – ci ha confermato uno di loro. In campo e sugli spalti, la risposta e’ gia’ arrivata.

Related Posts

Lascia un commento

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità
Fai clic sotto per acconsentire all'utilizzo di questa tecnologia e al trattamento dei tuoi dati personali per queste finalità. Puoi cambiare idea e modificare le tue opzioni sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetta Leggi tutto

Privacy & Cookies Policy