Homepage Articoli Neri(capitano Picchi): un’emozione forte prima di far gol al Livorno..

Neri(capitano Picchi): un’emozione forte prima di far gol al Livorno..

autore: Raimondo Bongini

Livorno- ” In coppa, salendo gli scalini che portano al campo, ero sereno. L’emozione forte mi e’ arrivata nel riscaldamento, quando e’ cominciato ad affluire il pubblico sulle gradinate. Da lì in poi non vedevo l’ora cominciasse la partita. Poi dopo due minuti ho fatto gol e’ mi e’ passato tutto. Anche se poi abbiamo perso”. Parole e sensazioni del capitano bianco amaranto Francesco Neri, manco a dirlo, livornese doc. Con il Livorno sulla pelle, senza passare dalle frequentazioni in curva. Nel Livorno ha cominciato dalla scuola calcio fino ai giovanissimi, dove lo hanno impostato da centrale. Ma lui e’ un’ attaccante esterno o trequartista nato e lasciando il Livorno per gli allievi del Picchi (” perché volevo giocare e divertirmi e lo rifarei “) e’ transitato in prima squadra senza nemmeno passare dalla juniores. Sempre in doppia cifra. 14 due stagioni fa in promozione, 12 l’anno scorso in eccellenza. L’Us Livorno non e’ un segreto, aveva pensato a lui, in agosto. Ma” Checco” aveva gia’ dato la parola ai dirigenti del Picchi. Quella e’ casa sua. Doveva solo firmare per il Viareggio in serie D 3 anni fa. E dopo 3 giorni di allenamento rinuncio’ per restare dove e’. “Mi dispiaceva – ammette-non ce l’ho fatta, il magone ha preso il sopravvento”.

Ma adesso da capitano di questo Picchi senza macchia e senza paura, tra le rivelazioni di questo avvio e che domenica ha fatto un partitone a San Miniato, contro una delle squadre più forti e esperte del campionato, guarda alla stracittadina di sabato alle 15, con consaoevolezza. ” Conosco il 70% dei giocatori del Livorno e non ho dubbio che siano la squadra da battere. A maggior ragione con Vantaggiato e Torromino, che in Coppa non c’erano. E li’ magari c’erano tanti ragazzi all’esordio all’Ardenza e il Livorno qualcosa ha pagato sul piano dell’esperienza. Noi siamo usciti un po’ troppo convinti da quel match e anche per una serie di casualità abbiano pagato dazio con la Cuoio, al debutto casalingo. Ma lo schiaffone ci e’ servito, come dimostra la prestazione di San Miniato. E’ vero, ci mancavano sei giocatori e forse sara’ lo stesso con il Livorno, sabato( forse solo l’attaccante Testa e il centrale Borborio potrebbero recuperare ndr.) ma c’e’ stata una grande interpretazione in chiave difensiva, adesso che in attacco dobbiamo fare a meno di un paio di giocatori importanti. In quel reparto invece il Livorno e’ fortissimo, fuori categoria mentre dietro qualcosa concedono. Quindi meglio affrontarli adesso che quando hanno finito il rodaggio.”

 

Credits: Foto Novi e foto da il Tirreno on line

Related Posts

Lascia un commento

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità
Fai clic sotto per acconsentire all'utilizzo di questa tecnologia e al trattamento dei tuoi dati personali per queste finalità. Puoi cambiare idea e modificare le tue opzioni sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetta Leggi tutto

Privacy & Cookies Policy