Homepage Articoli Livorno sfortunato, i giudizi lasciamoli a momenti piu’ sereni..

Livorno sfortunato, i giudizi lasciamoli a momenti piu’ sereni..

autore: Raimondo Bongini

Livorno- Non e’ questo il momento di sparare sulla croce rossa, ossia sui resti della squadra e sulle scelte dell’allenatore. Sappiano tutti che siamo in una situazione di parziale stallo societario e che i calciatori possano risentirne. Lo si e’ visto nel corso del primo tempo con la Pro Patria, dove non abbiamo mai tirato praticamente in porta, salvo la spizzata di Mazzeo che ha scheggiato il palo a portiere battuto, su bella percussione di Braken. Il mister del resto aveva puntato sull’esperienza e sulla necessità di fare punti, visto che questo Livorno tra covid, convalescenti da infortuni e svincolati, era ai minimi termini. Pensiamo solo  che Marie Sante e Sosa non giocavano da mesi e lo stesso Piccoli era reduce da infortunio. Cosi la  Pro Patria ha passeggiato sui nostri disagi, risultando di una cinicita’ unica, quando ha colpito  con l’uomo in meno con Spizzichino al 19′ e raddoppiando ad inizio ripresa su una ripartenza conclusa con un diagonale vincente dall’ottimo Parker.

Si può ovviamente obiettare, che dopo quel primo tempo soporifero, dove la   classe di Haoudi e la consueta generosità delle frecce Gemignani e Parisi sono sembrate offuscate, si doveva sparigliare le carte. Ma non dimentichiamo che mister Dal Canto, in panchina, aveva comunque Canessa e Pallecchi fermi da tempo per guai fisici. Sta di fatto che e’ stato l’allenatore a ridisegnare la squadra, in quattro e quatt’otto, inserendo prima Canessa per Mazzeo, poi Pallecchi per Deverlan e infine Nunziatini per Piccoli, affidando la regia a Haoudi e trasferendo Gemignani basso a destra, con Parisi libero di sprintare sulla fascia. E il Livorno da li’ in avant, forse  non avendo più niente da perdere, ha cominciato a collezionare angoli e occasioni. La più nitida e’ capitata a Braken con una conclusione da sotto misura su cui Greco si e’ accartocciato negando il gol. Ma il miracolo l’estremo lombardo l’ha compiuto su una mezza rovesciata di Morelli, deviata con la punta del piede di richiamo, in angolo.

Un Livorno sfortunato che tutti ci auguriamo fin dalla prossima settimana, possa  dare tranquillità a squadra e tifoseria, intervenendo come si deve sul mercato. Solo allora e magari non nell’immediato, si potrà giudicare il lavoro dei tecnici e il rendimento dei giocatori. Questo e’ il momento di restare uniti ed avere fiducia in chi guida la società, lasciando perdere i voli pindarici di presunti investitori, che al momento non ci risultano. Ci risulta che si stia lavorando per dare solidità dalle basi, a questa società. Solo allora magari potremo pensare che qualcuno possa decidere di bussare dalle parti di Via Indipendenza.

Related Posts

1 commento

Sandro Morelli 11/01/2021 - 11:47

Ciao Raiba, si, lavoreranno anche per rendere la società più solida, ma esiste anche il fattore tecnico-agonistico da portare avanti, leggi il mercato, e finora hanno fatto solo tanti discorsi. Il risultato è che se non verrà sbloccato il mercato, (leggi fidejussione), avverrà un ‘altra retrocessione, che sommate alle altre faranno in 8 anni (annate 2013-2014/2020-2021) ben 4 retrocessioni. E pensare che c’è ancora chi ringrazia Spinelli per avere salvato la società; personalmente non so che farmene di un presidente così, che ogni anno dimostra sempre più di fregarsene del risultato sportivo.
E chiudo qui.

Rispondi

Lascia un commento

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità
Fai clic sotto per acconsentire all'utilizzo di questa tecnologia e al trattamento dei tuoi dati personali per queste finalità. Puoi cambiare idea e modificare le tue opzioni sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetta Leggi tutto

Privacy & Cookies Policy